venerdì 7 luglio 2017

Polpettone di lupini

lupini 2
Uno dei ricordi di quando ero piccola e si andava a fare gite prendendo l'autostrada è il signore che si metteva lì, al casello, e vendeva questi sacchettini pieni di qualcosa che a me sembravano grossi fagioli. A me non piacevano affatto. 
Sono i lupini.
Ho "scoperto" i lupini, come molti altri alimenti, quando ho iniziato ad alimentarmi di soli vegetali.
Sono dei legumi, fantastici come ingredienti di polpette.
Hanno anche un elevato contenuto proteico, 36 g su 100 g di prodotto (per fare dei confronti, la soia ne ha 36,9 e il petto di pollo 23,3).
Oggi, invece delle polpette, ho provato a fare una sorta di polpettone, totalmente inventato da me.

Polpettone di lupini
Per prima cosa, ho sbucciato e risciacquato i lupini... importantissimo! 
Una volta ho dimenticato di fare questi due fondamentali passaggi e le polpette erano salatissime, praticamente immangiabili. Infatti, i lupini sono generalmente venduti in salamoia, quindi potete immaginare!
Poi ho frullato i lupini e li ho messi da parte.
Nel frattempo, ho messo in padella a soffriggere lievemente due patate e una cipolla, entrambe tagliate a pezzetti piccoli, sfumando con vino bianco. 
Quindi ho aggiunto il composto di lupini frullati e ho fatto cuocere una ventina di munti, aggiungendo acqua di quando in quando.
A cottura delle patate, ho aggiunto della farina di ceci, in modo da rendere il composto abbastanza compatto e l'ho trasferito in uno stampo per plumcake (sulla carta forno).
Ho messo un po' di pan grattato e di olio e ho infornato a circa 200 gradi per un quarto d'ora/venti minuti, fino a quando il pan grattato si è dorato.



Se volete leggere qualcosa sui lupini, potete andare qui.

Nessun commento:

Posta un commento